.
Annunci online

  marcoesposito [ il blog di Marco Esposito ]
         


11 ottobre 2009

La convenzione Nazionale

Sono andato alla convenzione nazionale del Pd piuttosto convinto che sarebbe stato un giorno abbastanza inutile per il partito democratico e per il percorso del congresso. Invece non è stato così.

La sala era piena (oltre ogni pronostico), l'ambiente caldo, e la gente partecipativa.

Doveva essere il giorno di Pier Luigi Bersani, è stato il giorno di Dario Franceschini. Il segretario uscente giocava in trasferta: la platea era quella degli iscritti, al 55% schierata con Bersani. C'era un po' di tensione nello staff del segretario, l'obiettivo - si diceva - era quello di uscire senza ferite, un discorso senza né alti né bassi, che permettesse di portare a casa uno 0-0, senza subire gol.

Pier Luigi Bersani ha provato a giocare la carta del discorso politico, da segretario in pectore, di colui che si occupa dei problemi del paese, più che delle questioni interne. Ha cercato di trasmettere il messaggio dell'inevitabilità della sua vittoria, dandola già come un dato di fatto. Ma il tentativo non è riuscito pienamente. C'era poca visione nel suo discorso. Un discorso "robusto", degno di un grande ministro, forse non di un grande segretario o di un grande leader politico.

Franceschini, invece, coraggiosamente, ha giocato la carta del comizio.Ha cercato la vittoria e il trionfo di applausi a casa dell'avversario. E la vittoria l'ha trovata, secondo molti osservatori. Serviva uno scatto alla corsa di Dario Franceschini alla segreteria, e oggi l'ha trovato. Non so se basterà a vincere le primarie, ma credo che oggi sia riuscito a fare quello che Bersani non ha voluto fare: parlare alla pancia del popolo democratico.

Chi mi ha deluso è Ignazio Marino. Non ci si presenta in maglioncino alla Convenzione nazionale del partito. Ho capito il tentativo di recitare il ruolo dell'informale, del diverso. Ma una giacca non avrebbe guastato. E' stato sfortunato perché ha parlato per ultimo. E la gente era un po' stanca (in molti sono usciti), e molti argomenti già toccati. Non a caso Franceschini - poco a poco - ha iniziato a toccare tutti i temi cari a Marino (compresa la laicità) per la disperazione di una parte dello staff del chirurgo. Insomma, Franceschini gli ha tolto la terra sotto i piedi. E poi, un ultimo piccolo appunto: Marino legge tutto. Un politico è anche un oratore. In sala è stata distribuita una copia del discorso di Marino: cazzo, non ha saltato una riga, cambiato una parola, spostato una virgola. HA letto tutto, dal primo all'ultimo rigo. Alla fine è apparso chiaro che Marino non è un politico, e gli altri due invece lo sono.

Insomma, doveva essere la giornata di Bersani, è stata quella di Franceschini. E lo si è capito anche dalla reazione dei due staff. I franceschiniani erano di ottimo umore alla fine della giornata.

La sensazione è che il voto si potrebbe polarizzare, tra Franceschini e Bersani, con Marino che rischia a questo punto di non riuscire a trovare nelle primarie quel risultato che in molti prefiguravano. Fossi in Franceschini giocherei la carta del "voto utile", nel senso che votare per Marino è un voto buttato, che non porta allal vittoria del loro candidato.

Non penso che Bersani, invece, accetterà altri confronti oltre quello del 16 ottobre su Youdem. E' in testa, offrire troppe possibilità di recupero agli avversari può essere pericoloso.

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  



sfoglia     settembre        novembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



nessunotv
mario
ildea
Generazione U Roma
grillo
radio alzo zero
mia nipote
Il vecchio blog
mio fratello


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom