.
Annunci online

  marcoesposito [ il blog di Marco Esposito ]
         


28 dicembre 2009

12 Gennaio 2010. Si cambia

12 Gennaio 2010. E' la data del ritorno nella blogosfera. Del mio ritorno nella blogosfera. Ho troppe cosa da dire per tenermele tutte per me. Per questo motivo sto lavorando - da qualche giorno - sul mio nuovo blog. 


Sarà molto diverso. Non sarà sul cannocchiale, non sarà solo un blog. 

Cambiamo piattaforma, cambiamo indirizzo. 

Dal 12 Gennaio. Per raccontare insieme anche questo nuovo decennio. 

A presto 

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Marco Esposito Marco esposito blog

permalink | inviato da marcoesposito il 28/12/2009 alle 16:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



12 novembre 2009

Blog in pausa di riflessione

Bhe, forse ve ne eravate anche un po' accorti da solo. Ma questo blog negli ultimi mesi ha avuto poco senso. E dopo tanto tempo in cui l'ho portata avanti molto molto bene (si, me lo dico da solo) vederlo così abbandonato mi dava fastidio.

Così ecco questo unico post a dire che questa avventura - almeno in questa forma e su questa piattaforma - si è conclusa. Un po' facebook, un po' il lavoro, un po' uno strumento che mi sembra perda di efficacia, il blog si è perso.

Per chi volesse ancora seguire quello che ho da dire rimangono twitter e il mio profilo facebook o il mio friendfeed.

Questa esperienza on line - sotto questa forma - si conclude. Mi piacerebbe tornare on line con un qualcosa di nuovo, di diverso, a più firme, ovviamente molto web 2.0, e magari più professionale e meno diario.

A presto.

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  




12 ottobre 2009

La prima edizione del TGRED

Eccola. E' la prima edizione del TGRED.  Il quarto d'ora che vedete è il frutto di una giornata intera di lavoro. La cosa a cui è più difficile pensare - in questo momento - è che il prossimo è domani, e non tra una settimana. Ma la cosa più assurda, però, è che anche questo - fare il tg - diventerà routine.

La cosa più fica è la voce del mio omonimo che legge i titoli manco fosse il mezzobusto del TG1. Un anchorman coi fiocchi (che sa abbinare anche cravatta e camicia).  

Insomma, ora aspettiamo i vostri giudizi. E se dovete sparare, fatelo a salve.

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  




29 settembre 2009

Zemanlandia, intervista a Zdenek Zeman

Serviva un evento un po' speciale per tornare a scrivere su questo blog. Era un po' che non scrivevo e il destino mi è venuto incontro.

Infatti, lunedì scorso alla casa del Cinema a Roma, è stato presentato Zemanlandia un film dedicato all'epopea del Foggia di Zdenek Zeman. Il film, della durata di 45 minuti circa, è molto carino, e racconta gli anni irripetibili del Foggia Calcio attraverso una partita a carte tra i protagonisti dell'epoca e l'intervista di Casillo, allora presidente della squadra pugliese, a Zeman.

Il film è molto ironico, divertente e da non perdere per i patiti di Zeman. Sì, perché vi sfido a trovare un altro allenatore in grado di attirare così tanto l'attenzione come il boemo pur non calcando la scena del grande calcio da tanti anni. Erano tantissime le televisioni e i giornalisti preseti, tutti lì per parlare con il boemo.

Ebbene si, perché il Boemo è un personaggio assolutamente affascinante. Affascinante il suo calcio, il suo calcio limite. Fatto di velocità, di tagli, con la linea difensiva alta, con il fuorigioco, il pressing, l'attaccare, sempre e comunque.

Il gioco di Zeman non era solo tattica calcistica. Era una filosofia. La filosofia del bene, del coraggio, dell'onesta, della trasparenza, dell'integrità, dell'estreme conseguenze delle proprie idee, della pulizia. Tutto il contrario del calcio italiano, sparagnino, furbo, votato alla simulazione.

Poteva Zeman imporre una filosia del genere in questa piccola terra italica? Ovviamente no. In questo paese vince chi fa il furbo, chi fa melina quando vince, chi si butta in aria di rigore. Poteva essere l'Italia il paese di chi predica il bel gioco sempre e comunque? No, è piuttosto la terra di chi consegne le tesserine telefoniche svizzere ad arbitri compiacenti, magari da chiudere in uno sgabuzzino se non obbediscono.

Tutta questa tirata su Zeman, per dirvi una cosa. Mi sono tolto 'sto sfizio, e l'ho intervistato. Non è semplice intervistare Zeman: parla pianissimo. Talmente piano che io, che era a venti centimentri dalla sua bocca non sentivo le risposte. Inoltre ci sono i silenzi...da riempire in qualche modo...

Abbiamo parlato di doping, di Juve e di mourinho, di Cassano e delle nazionale.

L'intervista l'abbiamo fatta con una telecamera che trasmettava via skype. 

 

Ps: la prima domanda - diciamo la verità - era dovuta alla circostanza, era destinata al taglio sin dalla partenza...

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Zeman Zemanlandia Marco Esposito Juve

permalink | inviato da marcoesposito il 29/9/2009 alle 23:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



2 luglio 2009

Intervista a Giuseppe Civati

 

L'altro giorno ho intervistato Giuseppe Civati per REDazione Estate. Da quello che ho capito, dopo la rinuncia di Chiamparino, il loro obiettivo sarebbe quello di un ticket con Ignazio Marino, nonostante la presenza di un ingombrante sponsor come Goffredo Bettini. L'alternativa, candidarsi da soli, non mi sembra convinca appieno Civati, pronto a scendere in campo solo a determinate condizioni. Secondo me, più passano i giorni, meno queste condizioni saranno possibili.

La registrazione è stata fatta prima dell'intervista della Serracchiani a Repubblica. Ditemi cosa ne pensate, sia di me, sia dell'intervistato.

Ecco come lo hanno riassunto le agenzie di ieri...

PD: CIVATI, PRONTO A CANDIDARMI, FRANCESCHINI CERCA DIALOGO

<newslink
iptc="11000000">
</newslink>   (ANSA) - ROMA, 1 LUG - "Siamo molto in difficoltà rispetto
alle due candidature già scese in campo. Se ci fosse da parte
del Lingotto una indicazione esplicita nei miei confronti non
avrei problemi a dire di sì". Così il consigliere regionale
lombardo del Pd Giuseppe Civati, risponde a una domanda nel
corso di 'Red-azione estate', su 'Red tv'.
   Interpellato sulle possibilità di un impegno personale nel
prossimo congresso di ottobre, Civati non esclude che la scelta
possa cadere sul suo nome: "Dal Lingotto abbiamo avuto
l'indicazione che è preferibile un terzo candidato, ce lo hanno
chiesto tutti. Stiamo lavorando e ragionando su una terza
candidatura. In tanti ci chiedono un impegno diretto e personale
alla sfida congressuale".
   Quanto ai candidati ad oggi in campo, Civati dice:
"Franceschini e Bersani mi sembravano entrambi molto nervosi al
Lingotto. Li definirei in rodaggio: altri sono stati più
applauditi di loro. Hanno detto poco. E' stata, la loro, una
presenza preoccupata, difficile giudicarli solo da questo". Ma
a Franceschini l'esponente del gruppo dei cosiddetti 'piombini',
riconosce "da tempo la ricerca di un dialogo nei nostri
confronti".
   "Per due anni ci hanno preso in giro - conclude Civati -
hanno parlato di partito federale e non abbiamo visto niente di
tutto questo, hanno parlato di risorse da destinare alla base,
ma c'é un rimborso elettorale multimilionario che non si
capisce come venga speso, e questo partito ha tutte le tessere
in provincia di Napoli, tessere fatte al telefono e vorrei
capire come questo sia stato possibile. Il regolamento poi è
una vergogna: un accrocchio inverosimile tra congresso e
primarie, che terrà aperta una discussione per quattro mesi".

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  




24 giugno 2009

REDazione: Intervisto Sandro Gozi

Dopo tanto prepararla per gli altri, oggi è toccato a me condurla. Sto parlando di REdazione, il programma del mattino di RED, quello condotto dai Direttori. Ospite  era Sandro Gozi, deputato del Pd, ed esponente del gruppo dei cosiddetti "Piomibini". Nella prima parte abbiamo analizzato il voto, nella seconda siamo andati sul prossiimo congresso del Pd e sull'appuntamento del Lingotto del prossimo 27 giugno.

Se vi va, ditemi che ve ne pare...

 

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  




2 giugno 2009

Da domani nuovamente con voi.

Da domani torno ad aggiornare il blog con una certa assiduità. Più di una volta al giorno. Da qui alla fine dei 15 giorni elettorali. 

Sperando di farvi cosa gradita 

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Marco Esposito

permalink | inviato da marcoesposito il 2/6/2009 alle 19:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



17 aprile 2009

Daniele Capezzone

"Dopo i primi cinque minuti di Annozero e i due squallidi comizietti d'apertura di Santoro e Travaglio, è chiaro che siamo alle solite: uso privato del mezzo pubblico". Questo il commento alla puntata di stasera di Annozero di Daniele Capezzone, portavoce del Popolo della Libertà.
"Gli italiani - ha aggiunto - pagano il canone, e il gruppo-Santoro usa queste risorse per proseguire una campagna militante, faziosa e di parte, sotto lo sguardo amorevole del sodale Di Pietro. Ma lo zelo antiberlusconiano del gruppetto è ormai patetico: siamo vicini all'ossessione".

Ecco, diciamo che io preferivo questa versione di Daniele Capezzone

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  




2 aprile 2009

REDazione, Baricco: Sinistra conservatrice, Destra con maggiore apertura mentale

 



Di tutte le cose che si sono detti ieri nella mezz'ora di REDazione Concita de Gregorio e Alessandro Baricco, a me sono rimasti impressi gli utlimi 5 minuti....

BARICCO, SINISTRA CONSERVATRICE, DEVE CAMBIARE
POL S0A QBXB BARICCO, SINISTRA CONSERVATRICE, DEVE CAMBIARE (ANSA) - ROMA, 1 APR - «Dobbiamo offrire alla gente dei modelli di futuro che non sono gli stessi modelli che la gente ha seguito per 20 anni un pò perfezionati. Dobbiamo offrire dei modelli differenti. E su questo la destra ha molte meno difficoltà della sinistra». Queste le parole dello scrittore Alessandro Baricco, durante REDazione, la trasmissione dei direttori di REDtv, condotta oggi da Concita De Gregorio, direttore dell'Unità. «Sono molto lontano dalla destra, antropologicamente direi, ma - spiega lo scrittore - sono anche una persona che ha grande fascinazione per il futuro: le riconosco un'apertura mentale capace di immaginare schemi che ci sorprendono ogni volta. E, a gran parte di questi schemi, la reazione della sinistra è da bambini dell'asilo, 'non c'era nelle regole, non valè». «Quello che dovremmo fare noi che non votiamo PdL - continua lo scrittore - è essere capaci di inventare modelli diversi, distruggere dei tabù che abbiamo. La conservazione è qui a sinistra, su questo non ho dubbi. Così come i principi nei quali credo sono da questa parte». Secondo Baricco, «la sinistra non riesce a capire che la gente vuole che si giochi su campi diversi, vuole un'impostazione diversa dei problemi. Di solito la sinistra non riesce a produrre niente di questo. Riesce a creare solo piccole varianti sulle mosse, che potrebbero anche condurre alla vittoria della partita, ma è una partita che ormai ha stancato tutti. Il futuro - conclude Baricco - si fa cambiando le regole, su questo noi non dobbiamo più avere dubbi».(ANSA). SN 01-APR-09 18:32 NNN

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  




24 marzo 2009

Liberi Nantes Football Club

La miglior puntata possibile. Il miglior conduttore possibile. il massimo divertimento possibile.

Da non perdere...per ridere di noi, insieme a noi.


del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  



sfoglia     novembre        marzo
 


Ultime cose
Il mio profilo



nessunotv
mario
ildea
Generazione U Roma
grillo
radio alzo zero
mia nipote
Il vecchio blog
mio fratello


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom