.
Annunci online

  marcoesposito [ il blog di Marco Esposito ]
         


8 giugno 2009

Europee 2009: la Frenata di Silvio Berlusconi

Le elezioni Europee hanno dato alcuni risultati importanti. Il primo e più importante dato è che Silvio Berlusconi non ha sfondato. Il risultato plebiscitario che il Cavaliere cercava non è arrivato.

Il Pd ha avuto una performance dignitosa. Un risultato che in qualche modo identifica lo zoccolo duro del partito. Su cui è possibile costruire. Comunque, il Pd è vivo. Questo è quello che contava.

Gli argini di cui parlavamo l'altro giorno, hanno resistito. Ben tre argini su 4 hanno tenuto, domani verificheremo il quarto.

I rapporti di forza all'interno della maggioranza sono cambiati: le Lega ora pesa ancora di più.

L'affluenza alle urne: è calata in maniera impressionante al sud. Mezzo paese non crede più nella politica romana. E' importante che il Pd apre un nuovo rapporto con il mezzogiorno d'Italia. E' la prima urgenza per costruire un Pd ad ampio respiro.

Domani sarà il giorno delle amministrative. Chi vorrà potrà seguirle su REDtv dalle 10 fino al tardo pomeriggio.

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Europee 2009 Pd PdL Berlusconi

permalink | inviato da marcoesposito il 8/6/2009 alle 2:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa



7 giugno 2009

Elezioni Europee ed amministrative 2009: difendere gli argini

Queste elezioni saranno elezioni di grande sofferenza per il partito democratico. Non può che essere così visto che il segretario che doveva costruirlo questo partito ha deciso di gettare la spugna appena qualche mese fa. E quindi sono una tornata elettorale da giocare in difesa, contro il nuovo partito guidato da Silvio Berlusconi, il PdL, nato per aggreggare la maggioranza degli italiani.

E allora, così come faceva la juve del Trap o l'Italia di Bearzot, la tattica di questa tornata elettorale sarà il catenaccio. Difendere la porta nel calcio, difendere gli argini nelle elezioni.

PRIMO ARGINE: PDL E 40%

E' uno dei grandi interrogativi di queste elezioni. Il Popolo delle Libertà sfonderà la soglia del 40%? Gli ultimi sondaggi danno questa quota in pericolo, anche se c'è una corsa clandestina americana che prevede un Pdl al 45%!!!

Il Pd deve tenere il PdL sotto questa soglia, o comunque tale muro non deve essere superato di più di qualche punto percentuale. In caso contrario Berlusconi avrà vinto, avrà sfondato, e qualsiasi obiezione mossa nei suoi confronti fino ad ora verà zittita dal coro del centrodestra trionfante. Un Pdl che metterebbe le basi per essere il primo partito italiano per i prossimi venti anni. Se non supera la soglia del 40%, invece, vuol dire che i successi sbandierati da Berlusconi in questi mesi, in realtà, non hanno portato alcun beneficio elettorale a Berlusconi, nonostante i disastri della parte del Pd.

SECONDO ARGINE: PD AL 27%

E' necessario toccare quota 27, oppure fallirla di poco. Se si scende sotto il 25%, si va tutti a casa, e il Pd rischia di non esistere più. Centrare questa soglia vorrebbe dire che esiste una solida base da cui ripartire, da cui ricostruire. Da cui risalire. Insomma perdere 6 punti percentuali è grave ma non irrimediabile, perderne di più manderebbe in crisi il progetto. E molti avrebbero la tentazione di gettare al mare il progetto. 

TERZO ARGINE: il distacco intorno ai 10 punti

Ecco un altro date da tenere d'occhio. Alle politiche scorse il distacco tra Pd e Pdl, nonostante la vittoria di coalizione PdL+LEGA Vs PD+Di pietro fosse netta, i punti di distacco tra Pd e Pdl erano tutto sommato pochi (4 punti circa). Ebbene se questo divario si allargassse fino a diventare di 12 o più punti (40 a 27 o più) allora verrebbe sancità l'impossibilità del Pd di essere un partito a vocazione maggioritaria per il resto dei suoi giorni. Sarebbe un successo mantenere la differenza tra Pd e Pdl sotto i 10 punti.

Amministrative: Firenze Bologna Bari Milano

Sono le amministrative più difficile di sempre per il centrosinistra. Anche qua definiamo un argine. Bisogna mantenere almeno tre delle seguenti quattro amministrazioni: provincia di Milano, comune di Bologna, Firenze e Bari. La provincia di Napoli è ormai persa.

Inutile dire che fallire questi quattro argini - tutti insieme - decreterebbe il caos nell'opposizione almeno fino al congresso di Ottobre.

Comunque di tutto questo - e altro - mi piacerebbe parlare con voi sia oggi che domani. RED ha preparato una maratona che parte domenica alle 22.00 per arrivare alle sera successiva.

Io, personalmente, sarò impegnato dalla mattina del lunedì fino al primo pomeriggio. Sarò in diretta, con il mio pc per aggiornarvi su tutto, con Mario, Alessia, De Amicis e altri ragazzi della redazione di RED. Vediamo se riusciamo a commentare il tutto insieme. Ci si rivede da queste parti.

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  




27 marzo 2008

Nun c'è paragone...

Quelli del Pdl sono corsi su Youtube a mettere on line un video di "Meno male che Silvio C'è...".

Qui il video...NON C'E' PARAGONE

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  




10 marzo 2008

Lettera aperta a Daniele Capezzone

Caro Daniele,

ho avuto il piacere di lavorare con te per un'intero anno solare, il 2006, quando, insieme a Marco De Amicis, aiutavamo te e Mario a portare in onda ogni sabato quel piccolo gioiello che era "70in2",  e questo mi ha permesso di toccare da vicino la tua umanità, le tue capacità politiche, le tue idee.

I nostri  percorsi politici si sono da allora separati: noi di GU abbiamo deciso di rimanere, seppur in posizione critica, nel centrosinistra, e abbiamo partecipato attivamente alla fondazione del Partito Democratico, mentre tu hai, legittimamente, cambiato schieramento e deciso di collaborare con il centro destra e con Forza Italia prima, e il Pdl poi.

Ho letto con sgomento, la notizia della tua esclusione dalle liste del Pdl. Voglio prima di tutto darti la mia solidarietà per un'esclusione che non è ovviamente frutto di valori meritocratici, ma del solito suk che, grazie a questa legge elettorale, si crea intorno alla  creazione di queste liste. Liste che il Pdl ha composto sulla base del Manuale Cencelli.

Sono qui a rinnovarti la richiesta che già personalmente ti feci all'epoca della tua scelta: ripensa la tua posizione all'interno dell'attuale schieramento politico italiano. Non è all'interno del Pdl che puoi pensare di dispiegare lo spirito libarale che ti accompagna. Non con questo Berlusconi, non con questo Gianfranco Fini, non con chi candida "fascisti" patentati come Ciarrapico, non con chi pensa di salvare Malpensa facendosi beffe del libero mercato, non con chi pensa che cambiare la 194 sia il primo problema di questo paese.

Ti invito nuovamente a ripensare le tue ultime scelte, rivelatesi quanto mai sbagliate, e a venire con noi nel Partito Democratico per trasformarlo, non senza fatica, in un partito assai diverso da quello che è oggi, ma che insieme possiamo far diventare un partito veramente nuovo, laico, partecipato e direttista.

Con stima immutata.

del.icio.us  digg technorati oknotizie myweb.yahoo.com google bookmarks  


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Daniele Capezzone Generazione U Pd Pdl

permalink | inviato da marcoesposito il 10/3/2008 alle 19:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


sfoglia     maggio        luglio
 


Ultime cose
Il mio profilo



nessunotv
mario
ildea
Generazione U Roma
grillo
radio alzo zero
mia nipote
Il vecchio blog
mio fratello


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom