Blog: http://marcoesposito.ilcannocchiale.it

REDazione, Baricco: Sinistra conservatrice, Destra con maggiore apertura mentale

 



Di tutte le cose che si sono detti ieri nella mezz'ora di REDazione Concita de Gregorio e Alessandro Baricco, a me sono rimasti impressi gli utlimi 5 minuti....

BARICCO, SINISTRA CONSERVATRICE, DEVE CAMBIARE
POL S0A QBXB BARICCO, SINISTRA CONSERVATRICE, DEVE CAMBIARE (ANSA) - ROMA, 1 APR - «Dobbiamo offrire alla gente dei modelli di futuro che non sono gli stessi modelli che la gente ha seguito per 20 anni un pò perfezionati. Dobbiamo offrire dei modelli differenti. E su questo la destra ha molte meno difficoltà della sinistra». Queste le parole dello scrittore Alessandro Baricco, durante REDazione, la trasmissione dei direttori di REDtv, condotta oggi da Concita De Gregorio, direttore dell'Unità. «Sono molto lontano dalla destra, antropologicamente direi, ma - spiega lo scrittore - sono anche una persona che ha grande fascinazione per il futuro: le riconosco un'apertura mentale capace di immaginare schemi che ci sorprendono ogni volta. E, a gran parte di questi schemi, la reazione della sinistra è da bambini dell'asilo, 'non c'era nelle regole, non valè». «Quello che dovremmo fare noi che non votiamo PdL - continua lo scrittore - è essere capaci di inventare modelli diversi, distruggere dei tabù che abbiamo. La conservazione è qui a sinistra, su questo non ho dubbi. Così come i principi nei quali credo sono da questa parte». Secondo Baricco, «la sinistra non riesce a capire che la gente vuole che si giochi su campi diversi, vuole un'impostazione diversa dei problemi. Di solito la sinistra non riesce a produrre niente di questo. Riesce a creare solo piccole varianti sulle mosse, che potrebbero anche condurre alla vittoria della partita, ma è una partita che ormai ha stancato tutti. Il futuro - conclude Baricco - si fa cambiando le regole, su questo noi non dobbiamo più avere dubbi».(ANSA). SN 01-APR-09 18:32 NNN

Pubblicato il 2/4/2009 alle 1.35 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web